happyshare_educazione_progresso

L’educazione al progresso e alla collaborazione

Moderare una tavola rotonda e preparare un’intervista è una sfida stimolante.
Quando questa sfida mi è stata proposta da Annalisa Modotto per la Milano Digital Week all’interno del contenitore Happy Share, mi sono sentito come il marinaio che si prepara a salpare per nuove rotte.

La bussola per la direzione, il calamaio per gli appunti, un binocolo per osservare l’orizzonte alla ricerca dei particolari degli ospiti che incontrerai per poi raccontare il loro viaggio.

Quando hai tre ospiti con un diverso percorso professionale, vai a fondo del loro viaggio per capire cosa accomuna persone con età, esperienze e studi diversi.
La risposta già lo conosco, sono i sogni, quelli che Marie Curie utilizzava per dire:
“Fai della realtà un sogno e di un sogno la realtà!”.

Unica donna al mondo a ricevere due premi Nobel, uno per la chimica e l’altra per la fisica.
Vai sul mio canale Youtube e riguardo l’intervista che alcuni mesi prima avevo fatto a Valeria Cagnina e al suo socio Francesco Baldassare prima del Covid19. Di Valeria Cagnina tutti hanno detto di tutto.

Io in quel primo incontro voluto capire e raccontare cosa si celasse dietro quei due occhi che sprigionano curiosità e felicità ed una brillante intelligenza.
A me basta sapere che a soli 15 anni la sua perseveranza la porta all’interno del prestigioso M.I.T di Boston, a 16 anni torna nel suo paese di nascita dove fonda OfpassiOn, la prima società di educazione Robotica italiana e dopo pochi anni l’incontro con Francesco Baldassare (ingegnere informatica), diventa il propulsore che lancia la società verso l’infinto e oltre.

Lavorano con le più importanti multinazionali sul territorio, creano laboratori educativi senza limiti di età, presenziano come speaker a diversi eventi di rilievo.

Intervistare due giovani così brillanti e ricchi di entusiasmo mi fa pensare con gioia quanto ancora potranno regalare a tutti noi nel prossimo futuro, sicuramente ricco di sorprese.

Dall’altra parte dello schermo, Claudio Cupito Ceo e fondatore di Growishpay Italia.
Ha 25 anni in più dei due ragazzi ma come ho detto prima quello che li mette in collegamento sono i sogni che diventano realtà.

Claudioconla suaaziendahadecisodirenderesemplicelavitadellepersonecreandoAPPche permettono social payment per viaggi di nozze, negozi e-commerce, gestione di attività Crow-founding fino a progetti di Charity.

Studio attentamente le sue idee che mettono in contatto la Fintech con il Martech fino ad approdare alla sua ultima idea destinata alle famiglie e ai loro figli: SCUOLAPAY, pagare a distanza per riavvicinare la scuola.

Ecco che la mappa della tavola rotonda prende vita, la rotta è segnata.
Il viaggio può iniziare con i sogni che diventano realtà.
Come ogni buona struttura di un racconto avvincente con la tecnica narrativa di Vladimir Prop, incontreremo molteplici ostacoli che si presentano solo per mettere alla prova la tenacia e la perseveranza e i 3 ospiti ce li descriveranno attraverso la loro esperienza di vita umana e professionale.

Gli ostacoli superati plasmano le soft skills di coloro che decidono di togliere gli ormeggi a bordi della scuola robotica OfassiOn o con l’utilizzo dei servizi Growish pay, passione, progetti.

Come diceva Zygumunt Bauman, uno dei più grandi sociologi del nostro secolo: “Con l’accetta si possono tagliare le teste, ma si può anche tagliare la legna”.

Noi abbiamo gli strumenti in mano, in questo caso la tecnologia.
La buona riuscita dei nostri intenti per migliorare il mondo in cui viviamo dipende dall’uso e la condivisione che facciamo di questi strumenti.

Alla fine dell’intervista scopriremo che tutto il viaggio condiviso è una grande opportunità per tutti gli ascoltatori: quella di connettere competenze trasversali, farlo attraverso il gioco, la musica, l’arte, le idee, la tecnologia e la cultura.
Abbiamo a disposizione i mezzi che se utilizzati nella maniera corretta, daranno vita ad un’economia circolare sana, per noi e per il pianeta che ci ospita.

Dobbiamo essere solo sognatori intelligenti, che amano le sfide, che non si fermano davanti al primo ostacolo, che guardano oltre, perché dietro quell’ostacolo ci sono tantissime opportunità che aspettano per dare vita a qualche cosa di magico.

Gianvito Tracquilio

👉 RIGUARDA LA PUNTATA

You don't have permission to register